“Ricercare la pace oggi vuol dire rimettere la persona al centro dell’agire politico”. Cosi’ il presidente del Parlamento europeo, David Sassoli, in un videomessaggio rivolto alla ‘Catena della pace’ Perugia-Assisi, la marcia della pace in forma statica a causa della pandemia. “Siamo di fronte a una trasformazione economica-digitale che cambierà nel profondo i nostri stili di vita – ha affermato – e’ necessario affrontare la dimensione sociale di questa transizione, che presuppone maggiori investimenti in economia circolare e agricoltura sostenibile, abbandonare la cultura dello spreco e lasciare che nessuno resti escluso o troppo indietro”. Tra le sfide che l’Europa dovrà compiere, per Sassoli, “riedificare la casa comune, abbattere muri e costruire ponti, non lasciare che nessuno possa essere ingoiato dal nostro mar Mediterraneo ma possa essere accolto da società umanizzate”. La pace oggi è “assai più che assenza di conflitti armati – ha ricordato – l’Europa ha conosciuto l’assenza della guerra ma dobbiamo farla diventare uno strumento di lotta alle povertà e all’economia che uccide, per ridurre disuguaglianze e marginalità”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: