• I deputati si schierano con il negoziatore dell’UE Michel Barnier
  • L’approccio selettivo dei britannici è inaccettabile per l’UE
  • È necessario il consenso del PE per un accordo su condizioni di parità e sulla pesca

     

Brexit concept illustration image ©Thaut Images/AdobeStock   

Visto il poco tempo a disposizione per raggiungere un accordo, il Parlamento si rammarica che le differenze sulle future relazioni UE-Regno Unito rimangano sostanziali.

In una risoluzione approvata giovedì con 572 voti favorevoli, 34 contrari e 91 astensioni, il Parlamento ha fatto un bilancio dei risultati dei negoziati UE-Regno Unito su un nuovo partenariato e preso atto della richiesta delle parti negoziali di intensificare i colloqui durante il mese di luglio.

Inoltre, Il Parlamento deplora che, a seguito di quattro cicli di negoziati, non siano stati conseguiti reali progressi e che sussistano divergenze sostanziali.

I deputati sottolineano che un accordo globale è nell’interesse di entrambe le parti. Tuttavia, esprimono profonda preoccupazione per l’insistenza del governo britannico nel voler negoziare solo nei settori che sono di suo interesse ed è “inaccettabile” per l’UE che il Regno Unito possa scegliere a suo piacimento alcune politiche e spingere per accedere al mercato unico dopo la Brexit.

Nella risoluzione si ribadisce inoltre il pieno e fermo sostegno del Parlamento al capo negoziatore dell’UE, Michel Barnier, nelle trattative con i negoziatori britannici, in base al mandato politico conferitogli dagli Stati membri dell’Unione e dal Parlamento.

Si chiede poi al Regno Unito di rispettare gli impegni assunti nella Dichiarazione politica, firmata dal Primo Ministro Boris Johnson e ratificata sia dall’UE che dal Regno Unito.


Obblighi di recesso

La rigorosa applicazione del Protocollo su Irlanda e Irlanda del Nord e la fedele attuazione dell’Accordo di recesso, anche per quanto riguarda i diritti dei cittadini, sono prerequisiti ed elementi fondamentali per garantire la fiducia necessaria per la corretta conclusione di un accordo.


Concorrenza su un piano di parità e pesca

L’approvazione da parte del Parlamento di qualsiasi futuro accordo commerciale con il Regno Unito è subordinata al fatto che il governo britannico accetti condizioni di parità (disposizioni e norme comuni), tra l’altro nel campo della protezione ambientale, delle norme sul lavoro e degli aiuti di Stato, e che venga concluso un accordo soddisfacente sulla pesca. Tale esigenza è dovuta alla prossimità geografica del Regno Unito, al grado di interconnessione e al già elevato livello di allineamento e interdipendenza con le norme UE.

Infine, nella risoluzione si osserva come finora il governo britannico non abbia avviato trattative su delle disposizioni che garantiscano condizioni di concorrenza eque.

La risoluzione approvata sarà disponibile qui (cliccare su 18/06/2020).


Citazione

“L’Unione europea e il Regno Unito hanno dimostrato la loro volontà di progredire in modo significativo nei negoziati in luglio. Con la tempestiva risoluzione adottata oggi, il Parlamento europeo esprime la sua disponibilità a concludere un accordo ambizioso ed equo, senza compromettere i nostri principi e i nostri obiettivi”, questa la dichiarazione di David McAllister (PPE, Germania), Presidente della commissione per gli affari esteri del Parlamento europeo e del gruppo di coordinamento per il Regno Unito (UKCG), a commento del voto in Plenaria e dell’esito della riunione ad alto livello UE-Regno Unito del 15 giugno.


Per rivedere gli interventi del dibattito in Plenaria, cliccare sul nome dell’oratore

David McAllister

Bernd Lange (S&D, Germania), presidente della commissione per il commercio internazionale del Parlamento europeo, membro del gruppo di coordinamento per il Regno Unito (UKCG)

Kati Piri (S&D, Paesi Bassi), correlatrice, membro del gruppo UKCG

Christophe Hansen (PPE, Lussemburgo), correlatore, membro del gruppo UKCG


Contesto

L’attuale periodo di transizione scade il 31 dicembre 2020. Per entrare in vigore il giorno successivo, il nuovo accordo commerciale e l’accordo globale dovranno essere sottoscritti dalle parti negoziali al più tardi in ottobre. Il testo dovrebbe poi essere ratificato sia dal Parlamento europeo che dal parlamento britannico e, in caso di un cosiddetto accordo misto, dai parlamenti nazionali di tutti gli Stati membri dell’UE.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: