Senza categoria

Venezuela: il Parlamento europeo chiede ulteriori sanzioni

Per la terza volta quest’anno, il Parlamento europeo ha adottato una risoluzione sulla situazione in Venezuela, esprimendo profonda preoccupazione per il grave stato di emergenza

AFP PHOTO / JUAN BARRETO


Conformemente all’ultimo rapporto dell’Alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, i deputati ritengono direttamente responsabile Nicolás Maduro, “così come le forze armate e di intelligence al servizio del suo regime illegittimo, per l’uso indiscriminato della violenza per reprimere il processo di transizione democratica e ripristino dello stato di diritto in Venezuela “.
Nella risoluzione, adottata con 455 voti a 85 e 105 astensioni, ribadiscono il loro pieno sostegno “al legittimo presidente ad interim Juan Guaidó”.
Sanzioni aggiuntive
I deputati chiedono al Consiglio di adottare ulteriori sanzioni nei confronti delle autorità statali responsabili delle violazioni dei diritti umani e della repressione. Le autorità dell’UE devono limitare i movimenti di queste persone, congelare i loro beni e sospendere i visti, nonché quelli dei loro parenti più stretti.
Sostengono il processo agevolato in corso condotto dalla Norvegia per trovare una via d’uscita dall’attuale stallo e accolgono con favore l’accordo di entrambe le parti di avviare un dialogo di pace che dovrebbe creare le condizioni per elezioni presidenziali libere, trasparenti e credibili.
Nella sua dichiarazione a nome dell’UE sul Venezuela, l’alto rappresentante Federica Mogherini ha avvertito che l’UE amplierà ulteriormente le sue misure mirate contro le autorità responsabili se non ci sono risultati concreti dai negoziati in corso.
Detenzioni arbitrarie, torture e uccisioni extragiudiziali
I deputati denunciano gli abusi perpetrati dalle forze dell’ordine e la brutale repressione da parte delle forze di sicurezza. Condannano il ricorso a detenzione arbitraria, torture e uccisioni extragiudiziali e ribadiscono il loro sostegno alle indagini della Corte penale internazionale sugli ampi crimini perpetrati dal regime venezuelano.
Crisi umanitaria e migratoria
Più di 7 milioni di persone in Venezuela hanno bisogno di assistenza umanitaria, il 94% della popolazione vive al di sotto della soglia di povertà e il 70% dei bambini non frequenta la scuola, avvertono i deputati. Indicano inoltre la crisi migratoria nella regione in quanto, ad oggi, oltre 3,4 milioni di venezuelani hanno dovuto fuggire dal paese. Il Parlamento elogia gli sforzi e la solidarietà dimostrati dai paesi vicini, in particolare Colombia, Ecuador e Perù, e chiede alla Commissione di continuare a cooperare con questi paesi.