Senza categoria

34 mln del Fondo di Solidarietà per Grecia, Polonia, Lituania e Bulgaria

La Commissione Bilancio ha approvato lo stanziamento di 34 milioni di euro del Fondo di solidarietà per sostenere la ricostruzione in Grecia, Polonia, Lituania e Bulgaria in seguito a calamità naturali nel 2017,
L’aiuto, che deve ancora essere confermato dalla plenaria e dal Consiglio, comprende 16,918,941 euro per la ricostruzione in Lituania, a seguito di piogge continue e inondazioni che hanno danneggiato i sistemi di drenaggio, dighe e strade e terreni agricoli durante l’estate e l’autunno 2017. Le risorse potranno essere utilizzate per aiutare a coprire i costi di ripristino della rete e dell’infrastruttura di gestione delle risorse idriche.
La Polonia riceverà € 12.279.244 per riparare i danni causati da violente tempeste e forti piogge nelle tre regioni del Kuyavian-Pomerania, della Pomerania e della Grande Polonia, distruggendo decine di migliaia di ettari di foreste e colture, nonché le infrastrutture energetiche. Tempeste e inondazioni colpiscono anche la regione di Burgas, nel sud-est della Bulgaria, che riceverà € 2,258,225.
Infine, la Grecia riceverà € 2.535.796 per riparare gravi danni a parti dell’isola di Kos a seguito del terremoto nel luglio 2017.
La relazione dell’europarlamentare Janusz Lewandowski (PPE, PL) è stata approvata con 33 voti contrari e nessuna astensione. Il progetto di bilancio rettificativo n. 4/2018, presentato dal relatore Siegfried Mureşan (PPE, RO), è stato approvato con 33 voti contrari e nessuna astensione.
I resoconti sugli aiuti dell’FSUE a Bulgaria, Grecia, Lituania e Polonia possono essere trovati online sul sito web della Commissione europea. Maggiori informazioni si possono trovare nella proposta della Commissione e nel progetto di relazione del Parlamento.

Prossimi passi
Il Consiglio dovrebbe approvare l’aiuto entro il 4 settembre. Non appena il Parlamento europeo darà il via libera durante la sessione plenaria di settembre, i fondi saranno disponibili entro poche settimane.

Il Fondo di solidarietà dell’Ue è stato istituito nel 2002 a seguito delle inondazioni disastrose nell’Europa centrale nell’estate dello stesso anno. Da allora, dopo oltre 80 disastri – tra cui inondazioni, incendi boschivi, terremoti, tempeste e siccità – 24 paesi dell’UE hanno ricevuto aiuti dell’FSUE per un totale di oltre 5 miliardi di euro per lavori di riparazione.
Le risorse del Fondo di solidarietà dell’UE possono essere utilizzate per sostenere gli sforzi di ricostruzione e coprire parte dei costi dei servizi di emergenza, alloggi temporanei, operazioni di pulizia e protezione del patrimonio culturale, al fine di alleviare gli oneri finanziari a carico delle autorità nazionali nel scia di disastri naturali.