Senza categoria

Al Parlamento una conferenza ad alto livello per promuovere il patrimonio culturale dell’UE

Il 26 giugno 2018 il Parlamento europeo ha organizzato una conferenza intitolata “Patrimonio culturale in Europa: unire passato e futuro” per esaltare la diversità della cultura europea”

Sono circa 300.000 coloro che lavorano direttamente nel settore culturale dell’UE e 7.8 milioni i posti di lavoro che ne dipendono in modo indiretto. L’intento della conferenza é stato di diffondere il messaggio sull’importanza sociale ed economica della cultura e del patrimonio culturale europeo.

L’evento si é svolto nel contesto dell’Anno europeo del patrimonio culturale 2018, per il quale sono state organizzate migliaia di iniziative in tutta Europa, allo scopo di avvicinare maggiormente i cittadini alla conoscenza del patrimonio culturale, dal livello locale fino a quello europeo.

La conferenza, organizzata su iniziativa del Presidente Antonio Tajani e in stretta collaborazione con la Commissione per la Cultura e l’istruzione presieduta dalla deputata Petra Kammerevert, è stata suddivisa in tre gruppi tematici che hanno visto impegnati nei dibattiti sulle sfide del settore esponenti politici, figure chiave dell’UE, gruppi di interesse e ospiti celebri, come il pianista e direttore d’orchestra Ezio Bosso.

“Gli oltre tremila anni di storia in cui affondano le nostre radici e che hanno forgiato la nostra identità comune non possono essere dimenticati” ha dichiarato il Presidente Antonio Tajani inaugurando l’evento.

Tre i temi principali dell’evento:

  • Patrimonio culturale ed Europeità
  • Preservare e promuovere il patrimonio culturale
  • Innovazione e potenziale economico del patrimonio culturale

Ai dibattiti hanno partecipato anche artisti provenienti da ogni ambito, dalla musica al design, e altre parti interessate, contribuendo con le loro testimonianze. Durante la conferenza si sono svolti due concerti dal vivo e una mostra sul mondo dei videogiochi.